Il bacio immortale di Selene Feltrin 0111 Edizioni

Tempo buttato su un foglio di carta forse, oppure tempo prezioso che troverà chi ne impiegherà del suo per leggerlo.
Un punto è un’attesa, non una fine.
Come continuare la storia che finora ci ha descritto l’arca di Noè come un grande, peccaminoso relitto inaffondabile? Come può l’uomo non essere odio, non essere amore, non essere nulla eccetto un’irrefrenabile e nauseante compassione per se stesso e per il verme interiore che lo divora?
Non è la vita che ci è data che ci rende felici, ma come decidiamo di viverla.
“Libyen la felicità non sapeva nemmeno cosa fosse.
Possedeva tutto e niente.
Voleva ogni cosa e nulla al tempo stesso e non riusciva a distinguere un uomo da un altro.
Il cervello di Libyen mischiava i colori per vedere solo macchie grigie.
Perso in un oceano di tasselli di puzzle di cui non aveva mai visto un’immagine completa, era un a-gnello mannaro tra lupi sdentati.
Trionfo della carne sul macello delle anime, dilaniate.
O in altre parole: un uomo nato morto.”
Il vampiro è l’ uomo che soffoca nell’insoddisfazione, che odia la vita, che chiama la morte, la invoca per se stesso e per gli altri af-finché ci liberi da ogni inutile ed effimero atto umano.
Una gotica storia che ha come protagonista un essere demoniaco che affascina da secoli e dimora nei nostri sogni proibiti.
Lo spettro dei nostri sensi e desideri più reconditi, avvolto nella sua oscura bellezza decadente, saprà affascinarci o disgustarci.
Ma ciò che più importa verrà svelato dalla nostra perversa o giusta coscienza che sia.
Siamo felici? Lo siamo mai stati? Se sì, lo siamo stati inseguendo un sogno e divorandolo, oppure inseguendolo e lasciandolo fuggi-re ancora pronti per una nuova caccia? La risposta a voi cari lettori. Dal canto mio sono felice se a queste domande saprete dare ognuno una risposta unica, inimitabile.
“Ho attraversato secoli trovando sempre meno persone di-sposte a credere che i miracoli esistano. Davanti all’evidenza della mia forza, della mia magia hanno cercato una spiegazione nella scienza che tanto s’affanna l’uomo a studiare e sono rimasti uccisi da questa bestia che hai di fronte.
Un’ora e poi il sole si mostrerà ancora all’uomo. Peccato che uno dei pochi esseri umani che si accorge di questo miracolo quotidiano non potrà mai più vederlo.
Il mio morso è un bacio che segna la fine di ogni cosa.”
“Il nostro è un bacio immortale.”

La prima parte, ambientata alla corte di Versailles poco prima della rivoluzione del 1789, l’ho trovata più originale ed avvincente, la seconda parte, ambientata ai nostri giorni, mi è sembrata invece troppo filosofica e meno credibile…

Per conoscere meglio l’autrice:
 
http://autoriemergenti.jimdo.com/dalla-f-alla-l/feltrin-selene/
Per conoscere i pareri di chi ha già letto “Il bacio immortale”:
http://www.anobii.com/books/Il_bacio_immortale/9788863071344/01889e153a97e6e6cd/
Annunci
Published in: on 12 dicembre 2009 at 10:06  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://libreriarosaitaliana.wordpress.com/2009/12/12/il-bacio-immortale-di-selene-feltrin-0111-edizioni/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: