Un’anticipazione del romanzo su cui sto lavorando…

CAMILLE E EMILE…la versione ‘full’ del racconto di Natale di CRISTINA CONTILLI

CRISTINA CONTILLI, una delle autrici deI nostri racconti di Natale, ci ha fatto avere una versione più completa del racconto con cui ha partecipato alla rassegna (Il Natale del 1919). Quello proposto Christmas in Love era una versione meno ‘hot’, perchè le sembrava fosse più adatto alla circostanza, ma un po’ le è dispiaciuto non farci leggere la versione reale.
Visto che questa biblioteca è frequentata da donne adulte a cui non dispiace affatto leggere di passioni intense, quando sono ben scritte, ci fa piacere poter pubblicare ora anche la versione meno edulcorata del racconto di Cristina, che presenta ,in forma romanzata, l’intensa e sofferta personalità della scultrice francese Camille Claudel, per anni musa ispiratrice di Auguste Rodin.
Natale è passato e S.Valentino si avvicina…possiamo permetterci di essere più birichine! :0) Buona Lettura!

In quel 24 febbraio del 1919, quando sono entrata, ancora infreddolita, alla galleria parigina Durand-Ruel, da sola, come mi era capitato speso negli ultimi anni alle inaugurazioni delle esposizioni a cui venivo invitata, ho notato che diverse persone si sono voltate verso di me, come se avessero visto un fantasma, ma io non ero un fantasma, ero soltanto una donna che aveva amato e sofferto con la medesima intensità e che ora desiderava soltanto ricominciare a vivere dopo sei anni di internamento… Ero e sono ancora, anche se qualcuno ha cercato i cancellarmi come donna e come artista, la scultrice Camille Claudel…
Casa di cura privata di Montfavet, inverno 1918/1919
“Mi chiamo Emile e sono stato inviato qui per visitarvi e decidere se potete essere dimessa da questa struttura.”
“Finalmente mio fratello si è deciso a tirarmi fuori da qui.”
“No, non è vostro fratello che mi ha inviato qui, ma i vostri amici parigini… pensavano che la vostra permanenza qui sarebbe durata solo qualche mese e, invece, sono già trascorsi cinque anni.”
“Qualcuno a Parigi si ricorda ancora di me?”
“Ma certo…”
“E allora portatemi via da qui…”
“Voi non siete un pacco, Camille, ma una persona e come tale dovete essere trattata… quindi ora vi lavate e vi cambiate e, poi, noi andiamo a parlare in un luogo dove possiate sentirvi più libera.”

Read more: http://bibliotecaromantica.blogspot.com/#ixzz1CX1JlwCv

Annunci
Published in: on 30 gennaio 2011 at 15:10  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://libreriarosaitaliana.wordpress.com/2011/01/30/unanticipazione-del-romanzo-su-cui-sto-lavorando/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. […] Prosegue Articolo Originale: Un'anticipazione del romanzo su cui sto lavorando … […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: