PISA BOOK FESTIVAL (21/23 OTTOBRE)

Dal 21 al 23 ottobre, nella bellissima città toscana, si svolgerà un nuovo festival dedicato alla piccola e media editoria. Ci saranno convegni e incontri con scrittori emergenti e famosi e il paese ospite di questo anno sarà la FRANCIA…Interessante il programma che potete visionare dal sito dell’ente fiera….NON MANCATE!!!!

 

DAL SITO ECCO GLI OSPITI FRANCESI:

 

Chi ci sarà al festival

 

Gao Xingjian, romanziere, drammaturgo, critico letterario, traduttore, regista teatrale e pittore, Gao si definisce un artista totale. L’unico scrittore cinese ad aver vinto il premio Nobel per la letteratura, Gao non vive più nella sua patria da anni. Dopo la strage di piazza Tienanmen Gao lascia la Cina dove le sue opere sono vietate e si trasferisce a Parigi, dove vive tuttora. Il romanzo che lo ha consacrato come un grande scrittore del nostro tempo, La montagna dell’anima, è il racconto di un lungo viaggio tra le montagne, le foreste, le riserve naturali e i villaggi della Cina del sud ovest : il viaggio della nostalgia di un cittadino del mondo. Gao inaugurerà il festival venerdì 21 ottobre alle ore 10 al Palacongressi, sala Tienanmen.

 

Régis de Sá Moreira, nato nel 1973 nella periferia parigina da padre brasiliano e madre francese, è autore di vari romanzi che hanno riscosso un ottimo successo di pubblico e critica, valendogli nel 2002 il premio Le Livre Élu. A Pisa presenterà il primo libro pubblicato in Italia, Il libraio (Aìsara 2011). Regis racconta, con ironia, ma anche tanta poesia, la storia di un libraio, senza nome per tutto il libro, ma molto speciale. Di quei librai che tutti vorrebbero trovare quando entrano in libreria!

 

Samia Benabeur è nata ad Algeri e dopo gli studi di lettere ha insegnato sino al 1990, quando ha deciso di diventare scrittrice scegliendo come pseudonimo il nome della nonna, Maissa Bey. Araba per nascita, cultura e tradizione, e anche musulmana, Maissa Bey scrive per non essere un testimone silenzioso dei violenti accadimenti che hanno caratterizzato la storia del suo paese. Nel suo libro più famoso, Pierre, Sang, Papier ou Cendre, racconta gli anni della colonizzazione francese, l’oppressione e le torture, senza odio, né perdono. Ha vinto numerosi premi sia in Francia che in Algeria e vive e lavora a Sidi-Bel-Abbès, dove ha fondato una associazione di donne, Paroles et écriture.

 

Astrofisico, specialista dei buchi neri, scrittore e poeta, Jean Pierre Luminet è uno scienziato di fama mondiale. Brillante conferenziere e grande divulgatore scientifico, ha vinto numerosi premi tra cui nel 2007 il premio Europeo per la comunicazione scientifica. Direttore di ricerca al CNRS e astrofisico all’Osservatorio di Parigi, Luminet ha pubblicato una ventina di saggi scientifici, ma anche romanzi e raccolte di poesie. E’ conosciuto al grande pubblico soprattutto per le biografie dedicate ai grandi scienziati: Le baton d’Euclide, Le secret de Copernic, L’oeil de Galilé. Al festival domenica 23 ottobre alle ore 11,30, presenterà La parrucca di Newton, tradotto e pubblicato da La Lepre Edizioni.

 

Figlia della poetessa di origine libanese Vénus Khoury Ghata, Yasmine Ghata è nata in Francia nel 1975. Ha studiato alla Sorbonne e all’Ecole du Louvre e si è specializzata in arte islamica. Nel 2005 il suo primo romanzo, La notte dei calligrafi, è stato pubblicato in Italia da Feltrinelli. Al festival presenta il suo ultimo libro, La bambina che imparò a non parlare, tradotto da Angelo Molica Franco e pubblicato da Del Vecchio Editore.

 

Scrittore di fama internazionale, Dominique Fernandez è nato a Parigi nel 1929. Ha scritto moltissimo, libri di viaggio, saggi letterari e romanzi, quasi tutte le opere sono state tradotte in italiano. Molti dei suoi romanzi sono di tema o ambientazione italiana, infatti Fernandez conosce molto bene l’Italia e l’italiano. Il libro che viene a presentare a Pisa si intitola Pise 1951, appena pubblicato in Francia da Grasset, dove racconta di due studenti francesi che passano un anno alla Scuola Normale e scoprono l’Italia appena uscita dalla guerra , ma anche l’amore.

Nata a Parigi, Muriel Augry ha studiato lettere alla Sorbona e ha insegnato per dieci anni all’Università di Torino. Dopo un soggiorno nel sud della Francia, ha lavorato negli uffici culturali dell’Ambascita di Francia, in Italia e poi in Marocco. Ha scritto numerosi saggi di letteratura, ma anche romanzi e poesie. Al festival presenterà Les lendemains turquoises, un’opera a metà strada tra testo e immagine, in francese, ma con il testo arabo a fronte.

Teorico del romanzo, lettore critico dei libri degli altri, Philippe Forest è diventato scrittore dopo la morte della figlia. Per raccontare la sua impossibile storia, un padre che diventa orfano, ha fatto ricorso alla scrittura, come molti altri prima di lui. Nei suoi due intensi romanzi, Tutti i bambini tranne uno e Per tutta la notte, pubblicati in Italia da Alet, Forest racconta la sua vicenda personale, la morte della figlia Pauline di soli quattro anni. Al festival, domenica 23 ottobre, Philippe Forest parlerà con Gabriella Bosco di autobiografia e romanzo, del rapporto tra verità e finzione in letteratura.

 

 

IL WEB: http://www.pisabookfestival.it/

Annunci
Published in: on 18 ottobre 2011 at 20:45  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://libreriarosaitaliana.wordpress.com/2011/10/18/pisa-book-festival-2123-ottobre-2/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: