Alcune letture recenti…

“Solo tu nel mio cuore” di Roberta Ciuffi

Come in altri libri della Ciuffi mi è piaciuta l’attenzione al contesto storico, ma anche alla psicologia dei personaggi… bello anche il particolare della statuetta che lui conserva e restituisce a lei di nuovo integra dopo che si era spezzata e sembrava irrimediabilmente rotta a metà…

LA CITAZIONE:

“Gytta gli toccò il mento (…) Rivedeva il suo viso così come lo aveva ricordato tutto il tempo della loro separazione e tuttavia diverso, più segnato dalla vita, adulto, pervaso da un’emozione che non aveva mai visto prima.”

“Onde” di Sabrina Calzia

Di solito preferisco i romanzi alle raccolte di racconti perché mi piace seguire una storia con i suoi personaggi dall’inizio fino al termine con tutte le sue sfumature, però, ho preso questo libro in scambio dall’autrice perché il titolo e la cover mi avevano incuriosita… e non mi sbagliavo perché è stata una lettura piacevole: i racconti sono abbastanza brevi, ma scorrevoli e scritti con un linguaggio poetico, sono tutti in prima persona e secondo me assomigliano a dei messaggi in bottiglia come se ognuno dei personaggi in un momento decisivo della propria vita cercasse di comunicare a chi gli sta vicino qualcosa di essenziale, a volte, riuscendoci, altre volte, fallendo…

LA CITAZIONE: “eccomi sono tornata” Vorrei gridarlo al mondo intero e invece lo sussurro appena, in silenzio. Soltanto al mio cuore.

SCUSATECI PER LA LUNGA ASSENZA DAL BLOG E BUON FERRAGOSTO A TUTTI…

Annunci
Published in: on 14 agosto 2013 at 18:23  Lascia un commento  

Fumiamoci una sigaretta di Ludovica Castelli

Brossura: 95 pagine
Editore: Gruppo Albatros Il Filo (1 gennaio 2007)
Collana: Nuove voci
ISBN-10: 8878429724
ISBN-13: 978-8878429727

IL MIO COMMENTO:

Amiche, sogni, chiacchiere, progetti… e il tempo breve che serve per fumare una sigaretta…

Un romanzo scorrevole, fresco ed ingenuo, nel senso positivo del termine perché riesce a cogliere un momento della vita che dura lo spazio di qualche anno e poi inevitabilmente finisce…

proprio come il tempo breve in cui si consuma una sigaretta…

CATENA DI LETTURA DI ANOBII.COM

Published in: on 10 maggio 2013 at 18:12  Lascia un commento  

L’onda scarlatta di Barbara Risoli

LA TRAMA:

Ersilia Alves, duchessina di Cerbére, dalla bellezza disarmante, porta il segno di un destino crudele e a diciassette anni riemerge dal buio della propria esistenza, con il passo claudicante che ne screzia la perfezione.
Astolfo des Chavaux, conte di Rennes, quarantenne impenitente e noto libertino, se ne prende cura per volere del padre, affrontando l’inattesa onda di sentimenti che lo travolgono.
Feroz, misterioso e ultimo dei pirati, dall’abbigliamento barocco e dal volto celato, governa l’inquietante Onda Scarlatta, antico galeone dalle vele rosse come il sangue versato dai nemici dell’uomo.
Sullo sfondo della Francia in fermento del 1789, con il re ostaggio del popolo e profondi mutamenti a mettere in pericolo un’intera classe sociale, s’intrecciano i destini di una donna con il buio dentro e un uomo senza identità.
Quale segreto cela il pirata dalla piuma rossa? E quale forza nasconde il gioiello risorto di Cerbére?
Colpi di scena, rivalità familiari e imprevisti cambiamenti danno il passo a un amore che saprà abbattere il dolore e aprire il cuore al futuro.

IL MIO COMMENTO:

Tra partenze e ritorni (improvvisi e spesso inattesi), personaggi dai nomi insoliti e dal carattere orgoglioso e un po’ cinico, Barbara Risoli accompagna il lettore attraverso un romanzo a metà tra storia e avventura con un pizzico, ma non troppo, di rosa… lo stile è quello dei romanzi precedenti, ma più maturo e più essenziale sia nei dialoghi sia nelle descrizioni… insomma, si tratta di un ebook dal prezzo accessibile e di piacevole lettura, quindi, non posso che consigliarvelo…

Published in: on 15 aprile 2013 at 10:56  Lascia un commento  

Il giuramento. Le folli avventure di Eulalia di Potimaron: 2, di Anne-Sophie Silvestre (ed. Lapis)

Con l’arrivo dell’estate, Mademoiselle d’Orleans e la matrigna lasciano Versailles per raggiungere il castello di Saint-Cloud, lontano dagli sfarzi e dall’etichetta di Corte. Al riparo dallo sguardo severo del Re e con l’aiuto di Eulalia, l’amore tra Maria Luisa e il Delfino di Francia cresce di giorno in giorno, tra pericolosi duelli, fughe notturne e incontri nel bosco. Ma qualcuno di nascosto segue Luigi. Il loro segreto rischia di essere scoperto… Età di lettura: da 8 anni.
RECENSIONE:
Un nuovo capitolo delle avventure della giovane Eulalia. Nel castello di saint Cloud dove vigila maggiore libertà di azione, la ragazza diventa una vera guardia del corpo di mademoiselle e, spettatrice fidata, del suo amore segreto con il Delfino. sarà proprio Eulalia a controllare i loro incontri notturni nel bosco con il valido supporto dei compagni della Società Segreta. Un romanzetto davvero piacevole da leggere e adatto anche alle persone adulte… In francese è una vera chicca e una bella opportunità per fare esercizio di lingua…
Published in: on 6 aprile 2013 at 20:17  Comments (1)  
Tags:

La società degli spiriti di Federica Soprani e Vittoria Corella

Sinossi
Il primo episodio della serie VICTORIAN SOLSTICE di Federica Soprani e Vittoria Colella.

Jericho è un Medium dei bei salotti. Jonas un investigatore che non crede nel paranormale. Quando Lord Kynaston viene trovato fatto a brandelli nel suo studio chiuso dall’interno, il Medium che parla con i morti e il poliziotto più scettico di Scotland Yard sono costretti a lavorare insieme loro malgrado. Dai bordelli per ricchi annoiati fino alla casa del vizio più pericolosa del West End, una detective story vittoriana oscura e sensuale.

IL MIO COMMENTO:

L’investigatore e il medium in una Londra vittoriana misteriosa e un po’ cinica…

Di solito non amo i gialli però incuriosita dalla catena via ebook e dal periodo di ambientazione di questo libro ho accettato di leggerlo e devo dire che anche se si discosta dalle mie letture abituali l’ho trovato scorrevole e con il giusto ritmo… forse l’unica cosa che mi ha un po’ lasciato di stucco è la disinvoltura e il distacco un po’ cinico con cui alcuni personaggi si salvano a scapito di altri… il finale aperto lascia irrisolte alcune questioni e predispone i lettori ad attendere il seguito che spero le due autrici ci faranno conoscere presto…

Published in: on 18 marzo 2013 at 22:51  Comments (1)  

A noi due, Versailles! Le folli avventure di Eulalia di Potimaron: 1, Anne Sophie Silvestre, ed. lapis

eulalie1Gabriella Evangelina Eulalia di Potimaron è una ragazzina vivace e intraprendente, ama sentirsi libera e adora il suo papà, che l’ha cresciuta all’aria aperta e senza troppe regole. Ma la sua vita sta per cambiare: diventerà damigella d’onore di Mademoiselle, la nipote del Re di Francia. Per un maschiaccio come lei, imparare le buone maniere è una noia mortale… per fortuna a Versailles, tra duelli, misteri, fughe e complotti, c’è sempre qualche segreto da svelare! Età di lettura: da 8 anni.

RECENSIONE: Grazie ad Anne ho letto questo primo romanzetto della serie in francese. Un racconto davvero ben scritto e talmente avvincente da conquistare anche gli adulti sin dalle prime righe! Eulalie scaturisce subito simpatia e la sua aria vivace si fa subito strada all’interno del castello più ambito di Francia: Versailles. Con il suo piccolo coniglietto Ti-Tancrede conquista l’amicizia della sua coetanea Gaetane e, grazie alla sua complicità, riesce a tramutarsi in ragazzo spadaccino durante due ore al giorno.  E’ proprio in quell’amato travestimento che si trova a dover risolvere un misterioso enigma insieme al giovane Delfino di Francia…simpaticissima lettura!!!!

http://www.amazon.it/Versailles-folli-avventure-Eulalia-Potimaron/dp/8878742651/ref=sr_1_2?s=books&ie=UTF8&qid=1363518992&sr=1-2

Merci à Anne, j’ai pu lire ce premier roman de la série Eulalie de Potimaron en français. Une histoire vraiment bien écrite et si convaincante pour conquérir même les adultes aux premières lignes! Eulalie ressorts immédiatement la sympathie du lecteur et son air vivace se deroule aussitot dans le chateau le plus aimé de France: Versailles. Avec son petit lapin Ti-Tancrède gagne l’amitié de Gaetane et, grâce à sa complicité, Eulalie peut se transformer en chevalier pendant deux heures par jour. Et c’est dans sous ce déguisement bien-aimée qui la jeune fille doit résoudre un puzzle mystérieux avec le Dauphin de France … très agréable lecture!

Published in: on 17 marzo 2013 at 11:35  Lascia un commento  
Tags: ,

L’ABBRACCIO DELLA NOTTE di Theresa Melville, ed. I romanzi Mondadori

 

ROMANZI_964_n

 

 

 

 

 

 

 

 

Cornélie fece propria la follia:
amava quell’uomo

Parigi, 1794. A cinque anni dalla Rivoluzione il clima politico è rovente. La città è nel caos e bande criminali ne approfittano per depredare le residenze degli aristocratici. Tra i superstiti dell’assalto a palazzo Tourangeau c’è la giovane contessa Cornélie Danterre, il cui futuro è ora quanto mai incerto. A rischiararlo c’è però François Nèvers, l’uomo che da anni lei ama segretamente e con il quale si getta nell’ardua impresa di ritrovare i nipotini scomparsi la notte dell’assalto. Seppure tra mille avversità, con certezze che crollano e speranze che nascono, la passione sboccia inattesa con le sembianze di una sfida. Ma, accettandola, Cornélie rischia di perdere il grande amore della sua vita…

 

    Note:

L’ABBRACCIO DELLA NOTTE è il primo romanzo della trilogia di Tourangeau di Theresa Melville, già autrice per i Romanzi Mondadori di vari romanzi, tra i quali ricordiamo AMANTI PERDUTI, LE LACRIME DELLA LUNA, MEMORIE D’AMORE, ROSSA D’IRLANDA, L’INCANTATRICE, CHARLENE e, per la collana Mystère, LEGGENDA DI SANGUE E AMORE.

RECENSIONE: Solo l’ambientazione e il critico periodo storico in cui si svolge la narrazione meritano una lode alla scrittrice. Non è facile lasciarsi alle spalle la tanto “sfruttata” Inghilterra per la Francia tormentata del post rivoluzione. Cornelie perde tutto, ma non la propria dignità. Da aristocratica dovrà chiedere aiuto a un’umile ragazza, Pauline, che finirà per amarla come una sorella nonostante le loro enormi diversità sociali. La sua sete di riscatto però la porterà a cercare i nipoti forse scampati, come lei, al violento massacro della famiglia. Dovrà raggiungere il malfamato luogo di Pont Rouge, nella foresta di Fontainebleau, dove tiranneggia un certo Marcel Bartén, designato come un pericoloso criminale… Entrare in quel luogo cambierà totalmente la sua vita e non solo. Nel frattempo Francois Nèvers, il fidanzato, Pauline e il suo compagno si mettono alla ricerca della caparbia Cornelie. La scrittrice riesce a descrivere sia le situazioni circostanti e la continua evoluzione degli stati d’animo dei personaggi principali in modo davvero eccelso! “Chiunque avesse stretto fra le braccia Cornélie anche solo una volta non avrebbe rinunciato a lei senza lottare”

http://blog.librimondadori.it/blogs/iromanzi/2011/06/27/romanzi-964-theresa-melville-labbraccio-della-notte/

Published in: on 8 marzo 2013 at 21:54  Lascia un commento  
Tags:

Tempeste nel silenzio, ed. Lulu.com, di Cristina Contilli

tempestaGli ultimi anni della vita di Silvio Pellico sono un periodo poco studiato della vita di quest’autore, contraddistinto già nelle biografie di fine ‘800 dall’affermazione abbastanza sbrigativa che Pellico, divenuto sempre più religioso, aveva smesso di scrivere e si era dedicato solo alle opere caritatevoli portate avanti dalla sua “padrona” e “benefattrice” la marchesa Giulia Falletti di Barolo… alcune lettere particolarmente malinconiche e rassegnate dello stesso Pellico ai suoi vecchi amici degli anni milanesi come Pietro Borsieri e Federico Confalonieri sembrano confermare questa immagine, ma la realtà, dopo uno studio attento delle fonti, si è rivelata molto più complessa come dimostra questa ricostruzione, basata su testimonianze dell’epoca e su lettere inedite dello stesso Pellico.

http://www.lulu.com/shop/cristina-contilli/tempeste-nel-silenzio-amicizie-amori-e-idee-politiche-di-silvio-pellico-in-uno-dei-periodi-meno-conosciuti-della-sua-vita-1842-1852/paperback/product-20654502.html

RECENSIONE:

Ultimi anni di vita dello scrittore Silvio Pellico dove la malattia mina non solo la sua salute fisica, ma anche il precario equilibrio mentale. Dopo decenni di amore non corrisposto l’amata Cristina Archinto Trivulzio, appena ricevuto il consenso al diovorzio in terra svizzera, decide di sposare il sofferente Silvio. L’affetto amichevole della donna si trasformerà in amorevole rispetto per un uomo che tenta invano di nasconderle la gravità del suo malanno; la tisi. Nel frattempo tanto sono gli accadimenti storici a cui entrambi assisteranno non solo come spettatori, ma anche come silenziosi attori. La raccolta critica si conclude proprio con il misterioso incontro di Pellico con Mazzini, durante il quale, ancora oggi, non sappiamo cosa si siano detti o consigliati a vicenda. Come sempre Cristina dimostra il suo attento studio ai fatti dell’epoca e a scritti a noi sconosciuti. Un’ottima ricostruzione di fatti e personaggi che hanno fatto l’Italia attuale. (Samanta)

Published in: on 1 marzo 2013 at 15:00  Lascia un commento  
Tags:

LE PASSIONI DI MADAME DE LENCLOS, Denise Cartier, ed. Sperling

LA STORIA 
Nella Francia del XVII secolo, brilla la stella di una donna bellissima e di grande temperamento: Ninon de Lenclos. Proveniente dalla piccola nobiltà, ma smaniosa di vivere a modo suo, “libera come un uomo” – il che per i tempi appariva quasi un’eresia -, conquistò Parigi con il suo fascino e la sua spregiudicatezza, seducendo, giovanissima, nientemeno che il cardinale Richelieu. Ma questo fu solo l’inizio di un’esistenza percorsa dalla passione – per gli uomini, certo, ma anche per i piaceri dello spirito. Tra schermaglie amorose, dispute intellettuali e intrighi politici, il romanzo – basato su una rigorosa documentazione storica – ripercorre la sua straordinaria avventura umana, presentando assieme un affresco scintillante della Francia, dall’epoca dei Tre Moschettieri a quella degli splendori di Versailles.

RECENSIONE: Ho trovato questa biografia storica davvero travolgente! L’autrice ha saputo descrivere in modo perfetto l’epoca designata (non a caso è una storica del periodo) aiutando anche chi non si è mai interessato della Francia passata a entrare nelle situazioni descritte. Gli usi e i costumi sono tratteggiati con maestria e competenza mentre i pensieri della protagonista coinvolgono il lettore fino all’ultima riga. Madame de Lenclos vive una vita spregiudicata senza mai oltrepassare il limite della goffaggine, ma regalando a noi posteri una saggezza davvero unica. Essere una cortigiana non significava prostituirsi, come oggi si tende a credere, ma scegliere a chi regalare i propri favori fisici in cambio di aiuti economici, pur restando una donna di alta conoscenza letteraria e, soprattutto di vita. Nel suo salotto si sono incontrati i più grandi uomini del ‘600 e ‘700 francese tra cui il famoso Moliere. Donna di una bellezza non travolgente che, però che arrivava dentro l’anima dello spettatore, non ha mai accettato di vivere a corte per tradire così il proprio stile di vita. Quando la vecchiaia l’ha raggiunta molti francesi si stupivano nel vederla camminare per la città per come potesse sembrare molto più giovane di quello che fosse nella realtà.

” Credo che la mia lunga giovinezza fosse frutto della mia vita pulita: poco cibo, niente carne, niente vino e niente gioco delle carte che fa venire le occhiaie di stanchezza. E soprattutto amore quanto basta”. ” Per tua fortuna , Marion, e mia, ho poca memoria per il male ricevuto”.

http://www.ibs.it/code/9788860615558/denise-cartier/passioni-madame-lenclos.html

Published in: on 26 febbraio 2013 at 15:03  Lascia un commento  
Tags: ,

“Valzer” di Silvia Scibilia

Tra immaginazione e realtà… sulle note dell’Ottocento…,

Seconda partitura della composizione letteraria e “musicale” di Silvia Scibilia che immagina sempre i propri personaggi agire sulle note di qualche classico ottocentesco dal notturno del primo volume al valzer di questo secondo racconto… come nel precedente i personaggi sono sospesi tra realtà ed immaginazione, ma alla fine è la prima a prevalere e a rivelarsi più interessante e imprevedibile della seconda… tra amore ed eros si rischia molto, ma c’è sempre un finale aperto che scioglie la tensione e preannuncia il seguito…

Published in: on 26 febbraio 2013 at 12:01  Comments (1)